La Domotica è la ROVINA dell’Architetto
(se non sai COME sfruttarla)

Di | 8 Febbraio 2017

OVVERO: Come l’Architetto può perdere il Cliente e avere grossi problemi di immagine e di reputazione a causa della Domotica

OK, il titolo di questo articolo è forte, lo so.

Chiaramente mi riferisco alla “morte professionale” e quindi alle conseguenze irrimediabili che la tua reputazione e la tua carriera possono avere.

In pratica voglio dimostrarti come, e lo farò portandoti un caso concreto, l’utilizzo della Domotica all’interno di un progetto di ristrutturazione può costarti veramente caro.

Come ti ho detto per farlo voglio parlarti di un caso reale, che mi è accaduto di recente.

Prima di raccontarti questa esperienza però  voglio fermarmi a ragionare su un punto, e cioè:

PERCHE’ se sei un Architetto dovrebbe FREGARTI MAI QUALCOSA della Domotica ?

Questo è il punto da cui voglio partire, perché se non chiariamo prima questo, tutto il resto diventa inutile.

Voglio dire, non ti pagheranno di più per il tuo progetto se inserisci un impianto di automazione, né tantomeno avrai una medaglia o un premio.

Inoltre interessarsi all’aspetto degli impianti, ed in particolare ad un impianto di domotica non è una delle attività preferite degli Architetti.

Non ti nascondo che questo è stato il punto sul quale mi sono soffermato dall’inizio della mia attività.

Nel tempo poi ho approfondito la conoscenza degli Architetti e del mercato della progettazione, specialmente delle ristrutturazioni di interni, e ho capito che:

I progetti più importanti, e mi riferisco ad esempio al 99% di quelli che trovi come riferimento sulle principali riviste di Design e Architettura  – HANNO UN SISTEMA DI DOMOTICA.

Questo vuol dire che alcuni Architetti e alcuni degli studi di progettazione più rinomati si stanno DISTINGUENDO dalla maggior parte dei loro colleghi che continuano a fare tutti le stesse cose, utilizzando queste tecnologie…

  • Perché lo fanno allora ?
  • Per quale motivo si prendono un altro PROBLEMA ?

Ti darò la risposta a queste due domande più avanti.

Torniamo prima alla storia che ti stavo raccontando all’inizio

COME la Domotica PUO’ FARTI PERDERE il Cliente e rovinare la immagine e Reputazione

Circa 6 mesi fa sono contattato da Fabio, un architetto che è arrivato da me tramite un mio cliente.

Fabio ha  preso in carico la ristrutturazione totale di un appartamento di prestigio in una delle zone più esclusive di Napoli.

Ecco cosa è successo:

Il cliente aveva espresso il desiderio di avere un impianto di Domotica di lusso nella sua nuova casa, dicendo che gli sarebbe piaciuto poter comandare le luci, le tende ed altre funzioni della casa, come ad esempio la musica, senza alzarsi dal divano o dal letto.

L’Architetto non avendo mai avuto esperienza con questo tipo di impianti, aveva pensato (giustamente) di chiedere al suo elettricista di fiducia, con il quale aveva già realizzato gli impianti in altri suoi progetti precedenti.

Ovviamente alla domanda “Fate impianti di Domotica ?” la risposta è stata

“CERTO CHE FACCIAMO ANCHE DOMOTICA !”

(e ricordati che quando senti questa frase devi scappare al più presto)

A quel punto Fabio si è tranquillizzato, mettendosi totalmente nelle mani dell’installatore.

Questo anche perché ogni volta che gli girava qualche problema o richieste che arrivavano dal committente, la risposta dell’installatore era sempre “SI, certo” oppurestai tranquillo non ci sono problemi”.

Insomma era sembrata la scelta migliore, in modo da non perdere troppo tempo su questa Domotica…

Lo STRAZIO per il COMMITTENTE

Erano iniziati i primi problemini durante la realizzazione del progetto, come lo stop del  cantiere per giorni in attesa di scatole da incasso per alcuni componenti e ritardi di giorni per avere informazioni come ingombri e dettagli delle apparecchiature.

Ma era niente in confronto a quello che è successo DOPO la realizzazione dell’impianto.

Mi ha raccontato brevemente le condizioni in cui l’installatore ha lasciato l’impianto, dopo che il cliente era scoppiato cacciandolo letteralmente da casa sua:

    • Le apparecchiature non comunicavano tra di loro, e questa per il cliente era la cosa peggiore perché non poteva controllare nulla dal proprio cellulare o ipad
    • Alcuni sistemi, come quelli dei riscaldamenti, non funzionavano, quindi il cliente dopo aver speso soldi in sensori di temperatura e termostati “intelligenti” doveva accendere la caldaia manualmente ogni volta
    • Il ritardo tra la pressione dei pulsanti e l’azione delle luci era lunghissimo e snervava il committente, che schiacciato il pulsante doveva ogni volta aspettare per sapere se le luci si sarebbero accese
    • Grafiche e modalità di comando erano inguardabili e progettate male, ad esempio ogni volta

 

Il committente era talmente esasperato che ha preferito mandare via l’installatore pur di mettere fine a quello STRAZIO.

Secondo te chi ha avuto il DANNO maggiore ? (a parte il cliente ovviamente)

Te lo dico io …sicuramente l’Architetto… che ha perso la faccia col cliente e ha avuto problemi GROSSI per finire il progetto.

A quel punto siamo intervenuti e, non ti nascondo che il cliente ha dovuto scucire comunque una discreta sommetta, ma con un intervento misto in wireless (per gli impianti in cui non potevamo rompere di nuovo il massetto) e con una programmazione rifatta da zero, per integrare tutti gli elementi in unico sistema, abbiamo risolto e completato il lavoro.

________________________________________________________________________________

E’ finalmente online la Mini-Serie GRATUITA in 3 Video

“L’Architetto e la Domotica”

Come migliorare il Progetto dei 3 Ambienti principali della Casa con le Tecnologie di Lusso.

All’interno dei 3 Video potrai trovare tanti spunti ed idee concrete per iniziare a sfruttare le potenzialità di queste tecnologie all’interno dei tuoi progetti.

In particolare ci concentreremo su questi 3 Ambienti principali della Casa:

  • La zona Living e la Cucina
  • Camere da Letto, Zone Notte e Bagni
  • Aree Esterne, zone Relax e altri spunti di progettazione

Clicca QUI per Accedere Subito ai Contenuti della Mini-Serie in 3 Video “L’Architetto e la Domotica”

______________________________________________________________________________________________________________________________________

Lo STRAZIO per l’Architetto

Per tornare un attimo indietro, so benissimo che per l’Architetto la Domotica è UNA GRANA e non vuole proprio impicciarsi nella “questione” impianto, figuriamoci nella Domotica.

Ed è anche comprensibile, visto che la domotica ti  mette in un gran numero di grane, come

  • Stare dietro a tutto quanto, dall’inizio, anche se non conosci bene il campo
  • Seguire e coordinare altri soggetti all’interno del cantiere e nel progetto, come se non ci fossero già troppi problemi solo con idraulico, muratori, elettricisti etc.. etc..
  • E’ uno dei motivi per i quali il committente può trovare da ridire in qualunque momento, e prendersela comunque con te

Insomma, può diventare un vero e proprio STRAZIO per l’Architetto, proprio com’è successo nel caso di cui ti ho parlato prima.

Fabio ha avuto problemi dall’inizio fino alla fine, e  fortunatamente l’installatore è stato “rimosso” dal progetto, altrimenti immagina il DOPO, come avrebbe fatto con l’assistenza al cliente ?

Considera che quello dell’assistenza e del DOPO è un momento ancora più importante della fase di installazione, perché: 

  1. Il cliente avrà bisogno di assistenza dall’inizio su come utilizzare le tecnologie che ha in casa, e la maggior parte degli installatori non ha materiali e strumenti PRONTI e studiati apposta per questa fase, ma improvvisa delle piccole dimostrazioni, che poi non lasciano NULLA al cliente.
  1. I momenti in cui la casa viene sfruttata maggiormente sono SABATO-DOMENICA e festivi, cioè proprio quando la maggior parte degli installatori sono CHIUSI e quindi nessuno potrà dare assistenza sull’impianto
  1. Immagina la situazione in cui il cliente, soprattutto quando inizia ad utilizzare l’impianto, può avere dei problemi, e l’installatore corre da un impianto all’altro, perché non ha un vero e proprio servizio di assistenza tecnica, ma cerca di fare un po’ tutto “alla buona”

Tutto questo può COMPROMETTERE GRAVEMENTE la figura dell’ARCHITETTO, che come progettista si è affidato all’installatore sbagliato e che ha coordinato tutti all’interno del cantiere.

Quando la frittata è fatta, il DANNO per l’Architetto è assicurato, proprio perché è lui che ci mette la faccia con il committente, che ha il rapporto diretto e che ne ha raccolto esigenze e formulato tutte le proposte.

LE ALTERNATIVE PER L’ARCHITETTO

E’ naturale quindi che l’Architetto non voglia prendersi tutti questi rischi ed entrare in un CAMPO MINATO, come quello della Domotica, e preferisce ancora STARNE FUORI, e quindi:

  • FARE COME FANNO TUTTI, cioè preventivare l’impianto elettrico “tradizionale” – magari affidandosi direttamente all’impresa edile
  • SE proprio è costretto, perché il CLIENTE ha richiesto un impianto di domotica, affidarsi ad un installatore come nel caso che ti ho raccontato, nella maggior parte dei casi senza sapere a cosa può andare incontro.

C’E’ un PERO’ in tutta questa STORIA !

Ed è proprio quello di cui ti parlavo prima, e cioè:

I progetti più importanti, e mi riferisco ad esempio al 99% di quelli che trovi come riferimento sulle principali riviste di Design e Architettura HANNO UN SISTEMA DI DOMOTICA.

Questo è un dato di fatto, basta guardarti intorno per verificare che è esattamente così che stanno andando le cose.

  • Perché nonostante tutti questi casini allora gli architetti, specialmente quelli che si DISTINGUONO, accettano il rischio e tutti gli sbattimenti connessi alla Domotica e decidono di utilizzarla per i propri progetti ?

Voglio rispondere subito a questa domanda perché è proprio il centro della questione.

Le motivazioni hanno a che fare con la mentalità e con l’approccio al FUTURO del lavoro di Architetto, che questi professionisti hanno.

Cosa intendo con approccio al FUTURO della loro Professione ?

Vuol dire che questi Architetti HANNO CAPITO COME USARE A PROPRIO VANTAGGIO questo elemento.

Infatti i professionisti di questa “cerchia” ristretta solitamente:

  • Non vedono la Domotica come una GRANA, ma come un modo per migliorare i progetti
  • NON danno tutte le fasi di questo lavoro all’esterno, per scansare problemi
  • Non si affidano al solito elettricista o impiantista “che fa ANCHE la domotica”
  • Non ASPETTANO che il cliente chieda un impianto DIFFERENTE e più innovativo, ma hanno adottato come standard, all’interno dei loro progetti, un livello di impianti più elevato e personalizzabile sul cliente finale

Non fanno questi errori semplicemente perché hanno capito PRIMA di altri che nel mercato attuale della progettazione, se vuoi davvero DIFFERENZIARTI e realizzare progetti UNICI, non puoi EVITARE di inserire elementi innovativi come la Domotica.

 Il “PROBLEMA” DOMOTICA vs L’OPPORTUNITA’ per gli Architetti VINCENTI

La Domotica è una GRANA, anzi un’enorme GRANA, se non sai come sfruttarla !

Tutto quello che ti ho descritto fino ad ora non è frutto della mia fantasia.

Sono esperienze REALI che ti dimostrano COME puoi fallire miseramente e rovinare i tuoi progetti ed i rapporti con i tuoi clienti, utilizzando la Domotica nel modo sbagliato.

E come ti ho dimostrato ci sono invece Architetti che hanno capito in che modo sfruttarla per

  • Aggiungere PRESTIGIO ai propri progetti
  • Utilizzare la tecnologia per creare AMBIENTI personalizzati che si adattano alle preferenze del committente
  • Aumentare il VALORE della propria attività di progettazione fino al +30℅

Questi sono alcuni dei vantaggi che riescono ad ottenere questi Architetti, oltre ovviamente a posizionarsi come progettisti di standard molto alti.

 

L’UNICO Metodo SICURO e TESTATO che ti permette di far parte degli Architetti VINCENTI

Ora hai ben presente il quadro della situazione.

Hai visto che GRANA può essere la domotica, se non ti affidi alle persone giuste, ai professionisti che fanno SOLO questo tipo di attività, e che quindi sono specializzati nel campo della Domotica e delle tecnologie per la casa.

In che modo puoi iniziare SENZA prenderti la maggior parte dei rischi ?

Progettazione Domotica Facile è un SISTEMA STRUTTURATO, che già decine di Architetti hanno utilizzato nei loro progetti, per approcciare alla Domotica SENZA rischi e in maniera professionale.

Perché ? Quali sono le differenze con la maggior parte degli installatori e delle aziende che operano nel campo della Domotica ?

Te lo dico subito, sintetizzando:

  • Non facciamo “ANCHE” impianti di Domotica, ma siamo SPECIALISTI in questo settore, in cui operiamo da oltre 10 anni, con progetti di successo
  • Non lavoriamo in maniera “improvvisata” ma adottiamo un METODO PRECISO E TESTATO, che parte dalla progettazione e garantisce tempi CERTI di installazione, fino alla GARANZIA LEGALE che diamo al Cliente finale per tutta la durata dell’assistenza
  • Non forniamo assistenza solo durante i giorni lavorativi, cioè quando serve di meno, come fanno tutti sul mercato, ma garantiamo il supporto SOPRATTUTTO NEI WEEKEND E FESTIVI.

Per questi motivi non ci rivolgiamo direttamente al cliente finale, ma solo agli Architetti, che supportiamo dalla fase di progetto fino alla realizzazione.

VUOI SAPERE DA DOVE INIZIARE PER ENTRARE NELLA CERCHIA DI PROGETTISTI LUNGIMIRANTI CHE VOGLIONO SFRUTTARE LA DOMOTICA A PROPRIO VANTAGGIO ?

E’ finalmente online la Mini-Serie GRATUITA in 3 Video “L’Architetto e la Domotica”, Come migliorare il Progettoi dei 3 Ambienti principali della Casa con la Domotica.

All’interno dei 3 Video potrai trovare tanti spunti ed idee concrete per iniziare a sfruttare le potenzialità di queste tecnologie all’interno dei tuoi progetti.

In particolare ci concentreremo su questi 3 Ambienti principali della Casa:

  • La zona Living e la Cucina
  • Camere da Letto, Zone Notte e Bagni
  • Aree Esterne, zone Relax e altri spunti di progettazione

Clicca QUI per Accedere Subito ai Contenuti della Mini-Serie in 3 Video “L’Architetto e la Domotica”

 

The following two tabs change content below.

Filippo Colosimo

Creatore del Metodo Dogiaro® Autore del Libro "La Casa Automatica" e di diversi blog sulla Domotica. Appassionato di tecnologia, vive a Napoli con sua moglie Simona e con il suo indistruttibile Jack Russell - Giuditta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *